3 July 2022 Versione CEI 2008

Va’ e riconciliati con tuo fratello – Mt 5, 20-26

Quante volte ci siamo arrabbiati con qualcuno? Tante. E abbiamo fatto pace? Certe volte si…..certe volte no…. in questo vangelo Gesù ci insegna che prima di accostarci a Lui, prima di ricevere la sua pace, il suo corpo e il suo sangue….bisogna riconciliarsi con i male fatti…. è difficile fare questo passo ma è necessario per sentirsi LIBERI di credere e di amare Lui.

E’ difficile riconciliarsi con il presente….ma questo vale anche con il passato…. bisogno fare pace con i fratelli ma bisogno soprattutto far pace con noi stessi…. perchè i primi a esser perdonati dei nostri peccati siamo noi… solo così possiamo liberarci da questo tormento che abbiamo nel cuore e poter dire “Abbà, Padre” Nell’eucaristia offriamo il nostro cuore, e se il nostro cuore deve essere in pace non solo con il rancore ma deve essere in pace anche con la mancanza dell’aiuto al fratello.

Il nostro cuore deve essere libero da ogni schiavitù sia interiore ma anche esteriore per poter amare più liberamente Cristo e la sua Chiesa (cioè amare i fratelli di viaggio). Quante volte, o Signore, vengo lì davanti a te senza aver perdonato nessuno, con un cuore carico di problemi…carico di preoccupazioni…. appesantito…. e quante volte tu ci insegni, e anche oggi ci rendi presente che tu giri lo sguardo da chi è separato dal fratello…aiutami Signore a parlare al suo cuore per poter donargli la stima, la riconciliazione e la pace ancora prima di dover andare incontri a lui e a Te.

Fonte

Brano del Vangelo

Mt 5, 20-26

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:
«Io vi dico: se la vostra giustizia non supererà quella degli scribi e dei farisei, non entrerete nel regno dei cieli.
Avete inteso che fu detto agli antichi: “Non ucciderai”; chi avrà ucciso dovrà essere sottoposto al giudizio. Ma io vi dico: chiunque si adira con il proprio fratello dovrà essere sottoposto al giudizio. Chi poi dice al fratello: “Stupido”, dovrà essere sottoposto al sinedrio; e chi gli dice: “Pazzo”, sarà destinato al fuoco della Geènna.
Se dunque tu presenti la tua offerta all’altare e lì ti ricordi che tuo fratello ha qualche cosa contro di te, lascia lì il tuo dono davanti all’altare, va’ prima a riconciliarti con il tuo fratello e poi torna a offrire il tuo dono.
Mettiti presto d’accordo con il tuo avversario mentre sei in cammino con lui, perché l’avversario non ti consegni al giudice e il giudice alla guardia, e tu venga gettato in prigione. In verità io ti dico: non uscirai di là finché non avrai pagato fino all’ultimo spicciolo!».

Related Posts

Un Vademecum per la consulenza nella fragilità matrimoniale

Con il motu proprio Mitis Iudex Dominus Iesus (MIDI) papa Francesco ha avviato una riforma del processo di dichiarazione di...

Letture Patristiche della Domenica «del Corpo e Sangue di Cristo»

Letture Patristiche Domenica «del Corpo e Sangue di Cristo» Gv 6,51-58; Dt 8,2-3.14b-16a; Sal 147; 1 Cor 10,16-17 DISCORSO 131...

L’icona dell’Ascensione del Signore

L’icona rappresenta il momento del distacco di Gesù dai discepoli, ma al tempo stesso traduce in immagine il contenuto del...

Rinascere dalle ceneri del tuo dolore

Non biasimare altri per la tua sorte, perché tu e soltanto tu hai preso la decisione di vivere la vita...

Andiamo fino a Betlem

Andiamo fino a Betlem, come i pastori. L’importante è muoversi. Per Gesù Cristo vale la pena lasciare tutto: ve lo...

Introduzione al Vangelo di Marco

Marco è oggi tra i testi del NT più studiati. Poiché la critica letteraria lo ha riconosciuto come il testo...

Jean Corbon – Ascensione: aurora che rischiara

Ascensione: aurora che rischiara Come conosciamo il Signore? Chi è veramente per noi Gesù? Egli ci sembra sempre lontano, assente....

Uomini di avvento 

«La salvezza è una sola: che noi ricominciamo a ricordare e ad accettare umilmente quello che noi siamo. E siamo...

La singolarità dell’eucaristia

«Allora Gesù si avvicinò, prese il pane e lo diede a loro» (Gv 21, 18). Questa comunione di mensa tra...

2 Maccabei 4, 18-38

E’ fonte di tristezza quando in una Parola come questa che oggi riceviamo dalla bontà del Signore, bisogna prendere atto...

Letture patristiche di Domenica 20 Settembre 2020

Letture patristiche della Domenica «DELLA PARABOLA DEGLI OPERAI DELL’XI ORA» XXV Dom. Tempo Ordinario A Mt 20,1-16 (leggi 19,30-20,16); Is...

Fr. Roger di Taizé – In cosa consiste la Fede

“La fede non consiste necessariamente nel provare un sentimento. Alcuni non provano niente, o quasi niente e Cristo rispetta i...

L’infinito in una culla – Il Presepio

“Il presepio è qualcosa di molto semplice, che tutti i bambini capiscono. È composto magari di molte figurine disparate, di...

Carlo Miglietta – SS. Tinità – Gv 3, 16-18

I DOMENICA DOPO PENTECOSTE SS. TRINITA’ Letture: Es 34,4-6.8-9; 2 Cor 13,11-13; Gv 3,16-18 “[16] Dio infatti ha tanto amato...

Letture patristiche della Domenica “del primato di Pietro”

Letture patristiche[1] della Domenica “del primato di Pietro” XXI del Tempo Ordinario A Mt 16,13-20; Is 22,19-23; Sal 137; Rm...

Comments
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.