27 January 2022 Versione CEI 2008

Nota sulla festa liturgica di “Nostro Signore Gesù Cristo, Re dell’Universo”

Il tema del «regno/regalità» è un tema un po’ fuori moda dall’orizzonte della nostra cultura che vive e si sviluppa in un contesto di democrazia. Anche i molti re e regine che esistono ancora sono solo poco più che simboli folcloristici. La festa liturgica di “Nostro Signore Gesù Cristo, Re dell’Universo” fu istituita nel 1925 da Pio XI.

In Italia già da tre anni (1922) era al potere Mussolini che presentava il fascismo come una religione civile e totalizzante. Ciò non toglierà di giungere ad un accordo che sfocerà nei Patti Lateranensi del 1929. All’orizzonte dell’Europa cominciava a profilarsi la tragedia che tredici anni dopo (1933) portò Hitler alla Cancelleria tedesca, dando inizio allo scempio nazista, che fu e resta come un marchio di vergogna per l’intera Europa. In Russia da otto anni (1917) imperversava la rivoluzione bolscevica, all’insegna dell’ateismo di Stato in sostituzione della religione di Stato. Ogni espressione religiosa viene repressa come alienazione e combattuta come strumento di oppressione del popolo.

In questo senso la festività di Cristo Re voleva essere un vero e proprio ridimensionamento della superbia umana, che pretendeva di governare il mondo con sopraffazione e dittatura. Nella “mens” di papa Pio XI, questa festa intendeva contrastare le velleità di questi movimenti o poteri politici, relativizzandoli. Tuttavia il linguaggio usato era sì biblico ed evangelico, ma inevitabilmente vecchio e anacronistico per quel momento storico, in quanto si serviva di immagini e di modelli (re, regno, regalità) che nell’immaginario collettivo popolare erano ormai inevitabilmente consunti e superati.

“Ci deve pur essere un punto di vista dal quale il Cristo e la Terra appaiono situati in tal modo, l’Uno in rapporto all’Altra, che io non potrei possedere l’Uno se non abbracciando l’Altra, comunicare con l’Uno se non fondendomi con l’Altra, essere cristiano se non essendo disperatamente umano”. (Teilhard de Chardin, Recherche, travail et adoration).

Related Posts

Modi di dire: Essere testimoni del Vangelo

«Essere testimoni del Vangelo» L’esigenza della “testimonianza” è un nodo cruciale dell’esperienza (e della storia) cristiana. Essa è chiaramente attestata...

Lectio su Mc 1, 1-8

Tra le tante interpretazioni di questo inizio c’è anche quella di “inizio oggi per noi”, cioè della possibilità di tornare...

J.H. Nouwen – La logica dell’amore

Nella casa del Padre ci sono molti posti (Gv. 14,2) dice Gesù. In essa ogni figlio di Dio ha il...

Andiamo fino a Betlem

Andiamo fino a Betlem, come i pastori. L’importante è muoversi. Per Gesù Cristo vale la pena lasciare tutto: ve lo...

Rese grazie per insegnarci a rendere grazie

Il fatto che Gesù sollevasse gli occhi e vedesse venire la moltitudine è segno della compassione divina, perché egli è...

Curare la vigna è come curare la vita

Da ragazzo, all’età delle medie e delle superiori, ogni giorno per andare a scuola, all’andata come al ritorno, dovevo camminare...

Carlo Carretto – Verità e umiltà

Ci sono degli istanti in cui Dio ci conduce all’estremo limite della nostra impotenza ed è allora e solo allora...

Fr. Roger di Taizé – In cosa consiste la Fede

“La fede non consiste necessariamente nel provare un sentimento. Alcuni non provano niente, o quasi niente e Cristo rispetta i...

La Verità e le verità

«Credo che la nostra maturità umana dipende dalla capacità di unificare noi stessi e il nostro sguardo sulla realtà. Altrimenti...

Rinascere dalle ceneri del tuo dolore

Non biasimare altri per la tua sorte, perché tu e soltanto tu hai preso la decisione di vivere la vita...

don Tonino Bello – Quelli che fanno suonare le campane

Qualche mese fa, concludendo la visita pastorale in una parrocchia della mia diocesi, l’ultimo giorno andai in una scuola materna....

Il vino della festa

Sì, il vino: è lui, non l’uva, il vero “frutto” della vigna. E come la vigna è ricco di doni...

Gesù: Liberi di accoglierlo o di rifiutarlo

Ecco che all’improvviso siamo posti con le spalle al muro, nella crocifissione della scelta più radicale della nostra vita: accogliere...

Thomas Merton: cosa è e cosa non è la contemplazione

Che cosa è la contemplazione La contemplazione è l’espressione più alta della vita intellettuale e spirituale dell’uomo. È quella vita...

Il lungo cammino verso casa

«Una delle più grandi provocazioni della vita spirituale è ricevere il perdono di Dio. C’è qualcosa in noi, esseri umani,...

Comments
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.