11 August 2022 Versione CEI 2008

Alessandro Pronzato – Signore, insegnami a dormire

Signore, insegnami a dormire

Strano. Non ho mai sentito una predica sul sonno. È una grave lacuna nella mia formazione.

Signore, lasciami dormire. Non svegliarmi. È bene che io dorma.

La mia salvezza, ormai, è legata al sonno.

Difficilmente i “maestri dello spirito” approverebbero ciò. Ma Tu, che non sei obbligato a leggere i loro trattati, comprendi. E, spero, esaudirai la mia richiesta.

Le Tue vie, si dice, sono infinite. E perché una di queste strade, quella che arriva fino a me, non potrebbe essere appunto la via del sonno?

Signore, insegnami a dormire.

Non pretendere la preghiera. Lo sai che lì non cavi più nulla da me. Moltiplico le parole, chiacchiero per tapparTi la bocca, per non lasciarTi parlare. E Tu devi rinfoderare i Tuoi progetti, perché non li voglio ascoltare. Ho paura.

Ti resta una possibilità, nei miei riguardi. Il sonno.

Si legge nella storia di città costrette a capitolare, dopo interminabili assedi, perché i loro abitanti venivano presi “per fame” o “per sonno”.

Di giorno, sto all’erta. Ho imparato a difendermi da Te. So come ci si difende dal Tuo Vangelo, specialmente dalle pagine più scomode. Con le armi del buonsenso e della cultura riesco a neutralizzare i Tuoi paradossi. E se qualche Tuo colpo arriva fino a me, trovo il modo di renderlo innocuo, inserendolo in un casellario appositamente approntato, dove tutto viene sistemato, ogni cosa al proprio posto, ogni idea in ordine, nulla deve darmi fastidio.

Di notte, invece, sono costretto ad abbandonare la difesa. A smantellare i bastioni della “ragionevolezza”.

È quello il Tuo momento, Signore!

Approfittane.

Prendi in mano le briglie che di giorno ho preteso stoltamente di tenere strette tra le mie dita.

Suggeriscimi le cose giuste.

Dimmi ciò che devo fare.

Ricostruiscimi mentre dormo.

Sono come una macchina che ha bisogno di una “ripassata” generale. Pensa Tu a rimettere tutto in efficienza: orecchie, lingua, cervello, occhi, cuore soprattutto.

Rifammi, Signore, durante la notte, perché io non so far altro che accumulare guasti. Al mattino, svegliandomi, troverò uno splendido regalo: un me stesso nuovo, in edizione rifatta e, naturalmente, migliorata.

Qualcuno ha scritto: «Il sonno è l’astuzia di Dio per dare all’uomo l’aiuto che non può far passare in lui mentre è sveglio». Spero proprio che la tua astuzia “notturna” prevalga sulla mia stoltezza “diurna”. Quando sono sveglio difendo con le unghie un taccuino dove è segnata tutta la mia “saggezza”. Contiene la mia scala di valori, la mia “problematica” aggrovigliata, i miei programmi – ahimè! – di santità.

Di notte sono costretto a mollarlo. Signore, raccattalo Tu. Non ridere. Compatiscimi. Correggi gli svarioni, cancella le idiozie, elimina gli spropositi. Scrivi Tu ciò che è bene.

Trascorro un terzo della mia vita a dormire. Otto ore di sonno su ventiquattro della giornata. È quello il tempo “opportuno”, Signore. Per insegnarmi a vivere nei restanti due terzi.

Non dirò come quella signora inglese che, durante la guerra, se ne restava tranquillamente a letto durante l’infuriare dei bombardamenti: «Ho pensato che Dio non dorme: non vi è dunque nessuna necessità che stiamo svegli tutti e due». Nel mio caso dovrei dire: guai se stessimo svegli tutti e due. Io impedirei il Tuo lavoro. Combinerei guai, come faccio durante la giornata.

Un proverbio idiota (che ho imparato a odiare, negli anni di Seminario, allorché la sveglia suonava alle cinque e trenta del mattino) afferma: «Chi dorme non piglia pesci». Sia chiaro che io non ho nessuna voglia di pigliare pesci. In compenso, quando dormo, Tu, Signore, puoi pigliare me.

Ripeto, è l’ultima occasione che Ti resta. Non lasciartela sfuggire, per carità.

Alessandro Pronzato, I Vangeli scomodi, Gribaudi, Torino 1983, pp. 323-325

Related Posts

Introduzione al Vangelo di Marco – Rosalba Franchi

Il Vangelo di Marco è il Vangelo più antico, si pensa sia stato scritto circa 50 anni dopo Cristo. Potremmo...

2 Maccabei 7,1-19

Dopo la grande testimonianza dell’Anziano, ecco ora la vicenda di questa mamma e dei sui figli. L’episodio è una meravigliosa...

Il giorno di Pasqua

Restiamocene tranquilli, a occhi chiusi, un istante prima che si levi l’alba del giorno della Risurrezione. È ancora notte fonda,...

Thomas Merton – Diventare se stessi

Per diventare me stesso devo cessare di essere ciò che ho sempre pensato di voler essere, per trovare me stesso...

La fede ha un senso?

Spesso nella quotidianità sperimentiamo di non poter fare affidamento sugli altri. Uno ci ha giurato eterna fiducia, e tuttavia ci...

“Duc in altum!”

Siamo sempre agli inizi della predicazione e dell’attività di Gesù e anche Luca colloca in questo esordio del ministero pubblico...

L’affidamento dell’uomo a Dio

Nella Pasqua Gesù, da un lato, rivela il mistero dell’amore di Dio per l’uomo; dall’altro, celebra e attua nel modo...

Introduzione al Vangelo di Marco

Marco è oggi tra i testi del NT più studiati. Poiché la critica letteraria lo ha riconosciuto come il testo...

La singolarità dell’eucaristia

«Allora Gesù si avvicinò, prese il pane e lo diede a loro» (Gv 21, 18). Questa comunione di mensa tra...

Letture patristiche della Domenica “della correzione fraterna”

Letture patristiche[1] della Domenica «DELLA CORREZIONE FRATERNA» XXIII Dom. Tempo Ordinario A Mt 18,15-20; Ez 33,7-9; Sal 94; Rm 13,8-10...

Carlo Carretto – Verità e umiltà

Ci sono degli istanti in cui Dio ci conduce all’estremo limite della nostra impotenza ed è allora e solo allora...

L’ascolto della parola di Dio

C’è un profondo bisogno di amore in ciascuno di noi, così spesso prigionieri delle nostre solitudini. È il bisogno di...

Letture patristiche della Domenica – Mt 11,25-30

Letture patristiche della Domenica “del giubilo messianico” XIV del Tempo Ordinario A Mt 11,25-30; Zc 9,9-10; Sal 144; Rm 8,9.11-13...

Nel mondo, ma non del mondo

Isaia La signoria di Dio è al cuore della prima lettura come del vangelo. Isaia presenta un’audace pagina di teologia...

Lectio su “Lettera a Filèmone” – 1-12

1Paolo, prigioniero di Cristo Gesù, e il fratello Timòteo al carissimo Filèmone, nostro collaboratore, 2alla sorella Apfìa, ad Archippo nostro...

Comments
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.