25 May 2022 Versione CEI 2008

Unità e continuità nella lettura della Bibbia

Un valido aiuto per comprendere l’unità e la continuità tra le due grandi parti della Bibbia (Antico e Nuovo Testamento) è offerto dalla loro lettura nella celebrazione eucaristica domenicale. In questa celebrazione la prima lettura quasi sempre presa dai libri dell’Antico Testamento — e il brano evangelico presentano testi che hanno qualcosa in comune tra loro (un avvenimento, un personaggio, un intervento di Dio…).

Questi testi si illuminano reciprocamente e vanno interpretati l’uno con l’altro. Il brano dell’Antico Testamento viene compreso in pienezza nel Vangelo di Gesù. E il brano evangelico, a sua volta, trova lo sfondo nel mondo, nel linguaggio, nei personaggi e nelle profezie dell’Antico Testamento. Questa continuità elimina ogni contrapposizione tra Antico e Nuovo Testamento, ma rivela con maggiore evidenza un unico progetto di Dio sull’uomo, che dalla creazione conduce alla persona di Gesù, il Salvatore promesso e atteso. Cosi diceva sant’Agostino: «L’Antico Testamento è svelato nel Nuovo e il Nuovo Testamento è nascosto nell’Antico».

Infatti Si è spesso tentati di rifiutare o di criticare i libri dell’Antico Testamento, per non saperli comprendere rettamente. Gesù stesso ci guida alla loro retta comprensione quando, nella sinagoga di Nazaret, proclama che il testo profetico che è stato appena letto si compie “oggi” nella sua persona e nelle sue parole (cfr. Lc 4,16-21). Per questo, è nella celebrazione eucaristica che Gesù «apre i nostri occhi e il nostro cuore» (LC 24,45) alla comprensione piena delle Scritture (Antico e Nuovo Testamento).

Nella seconda lettura le prime comunità cristiane ci vengono presentate come modelli nell’accogliere la parola di Dio nella sua continuità e nel viverla nell’esistenza di ogni giorno. E la nostra assemblea domenicale aderisce e risponde alla parola di Dio ascoltata con il canto del Salmo responsoriale.

A cura di don Primo Gironi, ssp, biblista

Related Posts

La singolarità dell’eucaristia

«Allora Gesù si avvicinò, prese il pane e lo diede a loro» (Gv 21, 18). Questa comunione di mensa tra...

Maurizio Mottolese – La Parola-Scrittura nel pensiero e nell’esperienza del giudaismo rabbinico

Qui il file PDF per una lettura (o stampa) migliore. Non si possono nutrire dubbi sulla centralità della Scrittura all’interno...

Nel mondo, ma non del mondo

Isaia La signoria di Dio è al cuore della prima lettura come del vangelo. Isaia presenta un’audace pagina di teologia...

Gesù: Liberi di accoglierlo o di rifiutarlo

Ecco che all’improvviso siamo posti con le spalle al muro, nella crocifissione della scelta più radicale della nostra vita: accogliere...

Lasciarsi amare dal Padre

Un padre ama i figli e li perdona solo perché sono i suoi figli, non perché sono buoni. I padri...

Il primato dell’amore verso Dio sulla famiglia

Mt 10,37-42 “[37] Chi ama il padre o la madre più di me non è degno di me; chi ama...

Il perdono di Dio e il perdono dell’uomo

Raccontando le tre parabole della misericordia, Gesù intende mostrare che la sua accoglienza dei peccatori non è soltanto conforme alla...

“L’anno di grazia da parte del Signore”

L’importanza dell’introduzione di Luca al suo vangelo risiede in un fatto fondamentale: non conosciamo Gesù per mezzo di “speculazioni metafisiche”,...

Rispondere all’amore di Dio

Dio dice: «Ti amo di un amore eterno», e Gesù è venuto a insegnarci questo. Quando Gesù fu battezzato, si...

La fede ha un senso?

Spesso nella quotidianità sperimentiamo di non poter fare affidamento sugli altri. Uno ci ha giurato eterna fiducia, e tuttavia ci...

L’affidamento dell’uomo a Dio

Nella Pasqua Gesù, da un lato, rivela il mistero dell’amore di Dio per l’uomo; dall’altro, celebra e attua nel modo...

Una pasqua annunciata

«Alza gli occhi intorno e guarda; tutti costoro si sono radunati, vengono a te. I tuoi figli vengono da lontano»...

Don Tonino Bello, Avvento e Natale. Oltre il futuro

Una «pro-vocazione» Oggi l’Avvento c’impegna invece a prendere la storia in mano, a mettere le mani sul timone della storia...

Elisabetta Della Trinità – O mio Dio, Trinità che adoro

Aiutami a dimenticarmi interamente, per stabilirmi in te, immobile e tranquilla come se l’anima mia già fosse nell’eternità. Nulla possa...

Ogni uomo conosce la Parola di Dio, mangiandola

Ogni uomo conosce la Parola di Dio, mangiandola. La Parola di Dio è Cristo Gesù. Si mangia Cristo, il vero...

Comments
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.