25 May 2022 Versione CEI 2008

Lectio su “Lettera a Filèmone” 13-25

13Avrei voluto tenerlo con me perché mi assistesse al posto tuo, ora che sono in catene per il Vangelo. 14Ma non ho voluto fare nulla senza il tuo parere, perché il bene che fai non sia forzato, ma volontario. 15Per questo forse è stato separato da te per un momento: perché tu lo riavessi per sempre; 16non più però come schiavo, ma molto più che schiavo, come fratello carissimo, in primo luogo per me, ma ancora più per te, sia come uomo sia come fratello nel Signore.
17Se dunque tu mi consideri amico, accoglilo come me stesso. 18E se in qualche cosa ti ha offeso o ti è debitore, metti tutto sul mio conto. 19Io, Paolo, lo scrivo di mio pugno: pagherò io. Per non dirti che anche tu mi sei debitore, e proprio di te stesso! 20Sì, fratello! Che io possa ottenere questo favore nel Signore; da’ questo sollievo al mio cuore, in Cristo!21Ti ho scritto fiducioso nella tua docilità, sapendo che farai anche più di quanto ti chiedo. 22Al tempo stesso preparami un alloggio, perché, grazie alle vostre preghiere, spero di essere restituito a voi.
23Ti saluta Èpafra, mio compagno di prigionia in Cristo Gesù, 24insieme con Marco, Aristarco, Dema e Luca, miei collaboratori.
25La grazia del Signore Gesù Cristo sia con il vostro spirito.
Fonte: La Sacra Bibbia

Paolo confida a Filemone che a conluivrebbe voluto trattenere Onesimo per essere da lui assistito, tuttavia ora desidera avere il parere di Filemone, perché vuol essere sicuro del suo consenso.

Ora può assicurare che Onesimo vuol essere in piena comunione con lui in modo molto più ricco e profondo di prima. Prima, infatti, Onesimo era suo schiavo, ora, invece, sarà con lui “molto più che schiavo, come fratello carissimo”.

Dio ti benedica e tu prega per noi.

Francesco Scimè e Giovanni Nicolini.

Related Posts

Modi di dire: Essere testimoni del Vangelo

«Essere testimoni del Vangelo» L’esigenza della “testimonianza” è un nodo cruciale dell’esperienza (e della storia) cristiana. Essa è chiaramente attestata...

Thomas Merton: cosa è e cosa non è la contemplazione

Che cosa è la contemplazione La contemplazione è l’espressione più alta della vita intellettuale e spirituale dell’uomo. È quella vita...

Lectio su “Lettera a Filèmone” – 1-12

1Paolo, prigioniero di Cristo Gesù, e il fratello Timòteo al carissimo Filèmone, nostro collaboratore, 2alla sorella Apfìa, ad Archippo nostro...

“L’anno di grazia da parte del Signore”

L’importanza dell’introduzione di Luca al suo vangelo risiede in un fatto fondamentale: non conosciamo Gesù per mezzo di “speculazioni metafisiche”,...

Letture patristiche di Domenica 18 Ottobre 2020

Letture patristiche[1] della Domenica «DEL RENDETE A CESARE E RENDETE A DIO» XXIX Dom. Tempo Ordinario A Mt 22,15-21; Is...

Papa Francesco – Stupirsi è aprirsi agli altri

Nella famiglia di Nazareth non è mai venuto meno lo stupore, neanche in un momento drammatico come lo smarrimento di...

Letture Patristiche “DI COLUI CHE PUO’ PERDERE NELLA GEHENNA”

Letture patristiche della Domenica “DI COLUI CHE PUO’ PERDERE NELLA GEHENNA” XII del Tempo Ordinario A Mt 10,26-33; Ger 20,10-13;...

L’inquietudine della notte della fede

Ripartire da Dio vuol dire sapere che noi non lo vediamo, ma lo crediamo e lo cerchiamo così come la...

Curare la vigna è come curare la vita

Da ragazzo, all’età delle medie e delle superiori, ogni giorno per andare a scuola, all’andata come al ritorno, dovevo camminare...

La regola della missione è la condivisione

Quando un profeta è rifiutato a casa sua, dai suoi, dalla sua gente (cf. Mc 6,4), può solo andarsene e...

Rese grazie per insegnarci a rendere grazie

Il fatto che Gesù sollevasse gli occhi e vedesse venire la moltitudine è segno della compassione divina, perché egli è...

Introduzione al Vangelo di Marco – Rosalba Franchi

Il Vangelo di Marco è il Vangelo più antico, si pensa sia stato scritto circa 50 anni dopo Cristo. Potremmo...

2 Maccabei 6,18-31

Quello che della Parola donata oggi dal Signore alla nostra preghiera e per la nostra salvezza mi pare il “cuore”...

Olivier Clément – Piccola introduzione alla teologia dell’ icona

Nella tradizione “ortodossa”, l’icona fa parte integrante della celebrazione. Si tratta di un’arte liturgica che non può essere isolata dal...

Le Beatitudini – La Santità nel quotidiano anche alla luce della “Gaudete et exsultate”

CARLO MIGLIETTA LE BEATITUDINI La Santità nel quotidiano anche alla luce della “Gaudete et exsultate” LUCA 6,17-26 [17]Disceso con loro,...

Comments
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.