25 May 2022 Versione CEI 2008

La differenza nella Trinità – fr. Christophe Lebreton

La Trinità? Come affrontarla? La fede vacilla, lo spirito deraglia, eppure dobbiamo ammettere che è li che tutto si ritrova, che sta li la differenza. Per dire la Trinità dobbiamo dire TRE e il dialogo risponderà UNO. E questa presenza dell’altro diverso ci rinvia alla comunione dove INSIEME ci è permesso di dire che è UNO, che non c’è altro che Lui… e se il fratello ebreo si unisce a noi, ecco che saremo TRE per dire che è UNO, per proclamare che Egli è Santo, anzi tre volte Santo.

Oggi dobbiamo avere il coraggio delle differenze. Partire dalle differenze per meglio rispettare l’altro nel suo rifiuto di accettare ciò che ci distingue da lui; partire dalle differenze, per meglio farsi rispettare anche in ciò che abbiamo di unico. Perché la differenza esiste in Dio stesso, nell’assoluto delle persone, del Padre che non è il Figlio. E così il cristiano è in marcia verso l’altro, verso tutti gli altri, nel nome stesso del mistero di Dio che è comunione delle persone. Ed è anche in marcia verso il mistero ineffabile di essere unico per grazia dell’Unico. “Dammi un cuore che ama”, diceva Sant’Agostino “e capirà cosa vuol dire Trinità”.

Ma non fa niente se non riusciamo a spiegare la Trinità. Non si può dimostrare l’amore. Descriverlo è come tradirlo! L’unico modo di credere nell’Amore che è Dio vivente, è di lasciare che l’Amore ci dia di amare pienamente. E così i TRE che sono UNO continuano a donarsi insieme alla moltitudine, in remissione del peccato di divisione, facendo opera di comunione attraverso i nostri poveri doni, ogni nostro atto di buona volontà, un semplice bicchiere d’acqua, il pane e il vino di questa offerta filiale.

(Frère Christophe Lebreton, Lorsque mon ami me parie, 17/6/1984)

Related Posts

JOHN POWELL – «Signore, abbi pietà di me peccatore»

Un’altra condizione essenziale per la preghiera autentica è l’abbandono. La sola parola in genere ci terrorizza, ma è qualcosa di...

Biografia di Christophe Lebreton

Christophe Lebreton, martire di Tibhirine “IO VIVO RISCHIANDO PER TE” Dodici anni fa, a Tibhirine, insieme a sei confratelli, cadeva...

Matta El Meskin – Chiudere la porta

Chiudere la porta (tratto da Matta El Meskin ‘Consigli per la preghiera’) Chiudere la porta Quando Dio ti chiede di...

Thomas Merton – Diventare se stessi

Per diventare me stesso devo cessare di essere ciò che ho sempre pensato di voler essere, per trovare me stesso...

Pentecoste e Maria – Fr. Christophe Lebreton

Pentecoste e Maria Pentecoste e Maria… si confondono le immagini: la colomba, la saggezza… andremo fino a mettere Maria nella...

2 Maccabei 4, 39-5,10

La violenza domina la storia, e tale violenza invade anche la vicenda del Popolo di Dio, che viene deviato dalla...

Ama con umiltà e rispetto

La vita spirituale si riassume nell’amare. E l’amore, è chiaro, significa più che sentimento, più che carità, più che protezione....

Peccatori in conversione

Tutto è provvisorio nella vita dell’uomo, tutto è legato al tempo: in questo senso i peccatori come i giusti vivono...

Letture Patristiche “DI COLUI CHE PUO’ PERDERE NELLA GEHENNA”

Letture patristiche della Domenica “DI COLUI CHE PUO’ PERDERE NELLA GEHENNA” XII del Tempo Ordinario A Mt 10,26-33; Ger 20,10-13;...

La felicità reclamizzata

Avendo ricevuto così tante delusioni dall’esterno, non riusciamo ad aspettarci che possa arrivare dall’interno di noi ciò di cui siamo...

La debolezza di Pietro

Pietro doveva ricevere le chiavi della Chiesa, anzi le chiavi del cielo, e a lui doveva essere affidato il governo...

“Io sono la via” (Gv 14, 6)

Dagli appunti di ascetica di Padre Silvestrelli del 2000. «Non sia turbato il vostro cuore. Abbiate fede in Dio e...

Il male e l’esistenza del diavolo

Il pensiero di Papa Francesco È stato detto che il peggior inganno del diavolo è quello di persuadere gli uomini...

Il deserto

Il deserto fu il luogo originario del popolo di Dio, il luogo in cui Gesù fu condotto dallo Spirito quando...

Bellezza oltre ogni descrizione

Uno dei romanzi più noti di André Gide (1869-1951) s’intitola La sinfonia pastorale. Il libro è ambientato nella Svizzera di...

Comments
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.