28 September 2020 Versione CEI 2008

JOHN POWELL – «Signore, abbi pietà di me peccatore»

Un’altra condizione essenziale per la preghiera autentica è l’abbandono. La sola parola in genere ci terrorizza, ma è qualcosa di indispensabile.

Ricordo di aver letto una storia, scritta da una donna che non ho mai incontrato. Nel suo articolo descriveva le sue umili origini: un appartamento senza l’acqua calda, il risparmio di poche lire per potersi comprare qualche piccola cosa. Poi incontrò l’uomo che sarebbe diventato suo marito: era la personificazione del principe azzurro. Non poteva quasi crederci quando le chiese di sposarlo. Tra l’altro, egli aveva qualche risparmio, così si trasferirono in una zona migliore, dove c’erano acqua calda, grandi finestre e prati verdi. C’erano persino fiori d’estate! Presto ci fu la gioia dei figli. Era tutto quello che lei aveva sempre sognato. Poi cominciò a sentirsi poco bene, andò da un dottore, il quale la mandò in ospedale per analisi. Non era affatto preparata quando il suo dottore la fissò con sguardo triste e le disse: «il suo fegato ha smesso di funzionare». Rispose quasi urlando: «Mi sta dicendo che sto per morire?». Con gli occhi abbassati, egli le disse solennemente: «Abbiamo fatto il possibile». Poi si girò e, in silenzio, uscì dalla sua stanza d’ospedale.

Sentì un fuoco di rabbia accendersi dentro. Nella sua disperazione voleva prendersela con Dio, così, in camicia da notte e vestaglia, si trascinò per i corridoi fino alla cappella. Voleva un confronto diretto. Si sentiva così debole che doveva appoggiarsi al muro mentre procedeva. Quando entrò nella cappella era buio. Non c’era nessuno. Continuò a camminare nel corridoio centrale fino all’altare. Durante tutto quello che sembrava un viaggio senza fine, dalla sua stanza alla cappella, aveva preparato le parole da dire: «Oh Dio, sei una fregatura, un vero impostore. Ti sei fatto passare per l’amore in persona per duemila anni. Ma ogni volta che qualcuno trova un po’ di felicità, gli togli il terreno da sotto i piedi. Beh, voglio solo farti sapere che l’ho capito, ti ho scoperto».

Nel corridoio, in mezzo alla cappella, cadde. Era così debole che a mala pena riusciva a distinguere le parole tessute nel tappeto ai piedi dell’altare. Lesse e poi ripetè le parole: «Signore, abbi pietà di me peccatore». All’improvviso tutte le parole piene di rabbia, tutto il desiderio di prendersela con Dio erano svaniti. Tutto quel che era rimasto era «Signore, abbi pietà di me peccatore». Poi abbassò la sua testa stanca sulle braccia incrociate ed ascoltò. Dal profondo del suo cuore udì queste parole: «È solo un invito per chiederti di abbandonare la tua vita nelle mie mani. Non l’hai mai fatto. I medici qui fanno del loro meglio per trattare la tua malattia, ma io solo posso curarti».

Nel silenzio e nel buio della notte, consegnò la sua vita a Dio: firmò il suo assegno in bianco e glielo restituì, perché Lui potesse scriverci quanto desiderava. Era l’ora di Dio, il momento del suo abbandono.

Ritornata nella sua stanza, si addormentò di un sonno profondo. Il giorno seguente, dopo le analisi di routine, il dottore le diede una notizia confortante: «il suo fegato sembra funzionare di nuovo». Come a Giobbe nell’Antico Testamento, Dio l’aveva portata sull’orlo del precipizio, ma soltanto per invitarla ad abbandonarsi a Lui. È la condizione iniziale indispensabile per la preghiera autentica. «Sia fatta la tua volontà» è una concessione grandissima, che può spaventare. Ci lascia nudi e senza difese. Niente più maschere, nessuna barriera protettiva, soltanto «Taci e sappi che io sono Dio».

Dal libro: JOHN POWELL, Esercizi di felicità, Cantalupa, Effatà, 51997, 144-145.

 Photo by Samuel Martins on Unsplash

Related Posts

2 Maccabei 6,1-17

I vers. 1-11descrivono la crudele persecuzione subita dal Popolo del Signore per la loro fede e per tutto quello che...

San Giovanni Paolo II – L’azione dello Spirito Santo

La via della Chiesa passa attraverso il cuore dell’uomo, perché è qui il luogo recondito dell’incontro salvifico con lo Spirito...

Che significa sentirsi a posto con Dio?

«… A posto con Dio» Che significa sentirsi a posto con Dio? O, anche più semplicemente, “sentirsi a posto”? In...

Il mistero dell’ascensione al cielo di Gesù

Il mistero dell’ascensione al cielo di Gesù, che il “credo” professa tra l’annuncio della resurrezione e la sua intronizzazione alla...

“Io sono la via” (Gv 14, 6)

Dagli appunti di ascetica di Padre Silvestrelli del 2000. «Non sia turbato il vostro cuore. Abbiate fede in Dio e...

Introduzione all’Apocalisse (don Claudio Doglio)

L’APOCALISSE DI GIOVANNI Introduzione L’ultimo libro della Bibbia è un’opera veramente originale, che affascina e sconcerta insieme. «Tot habet sacramenta...

2 Maccabei 4, 39-5,10

La violenza domina la storia, e tale violenza invade anche la vicenda del Popolo di Dio, che viene deviato dalla...

Letture patristiche della Domenica “della parabola del seminatore”

XV del Tempo Ordinario A Mt 13,1-23; Is 55,10-11; Sal 64; Rm 8,18-23 DISCORSO 73 di Sant’Agostino, vescovo SULLE PAROLE...

Unità e continuità nella lettura della Bibbia

Un valido aiuto per comprendere l’unità e la continuità tra le due grandi parti della Bibbia (Antico e Nuovo Testamento)...

Introduzione al Vangelo di Giovanni – Ileana Mortari

1° – GIOVANNI E I SINOTTICI Se si comincia a leggere il 4° vangelo dopo i tre sinottici, si ha...

Ogni uomo conosce la Parola di Dio, mangiandola

Ogni uomo conosce la Parola di Dio, mangiandola. La Parola di Dio è Cristo Gesù. Si mangia Cristo, il vero...

Card. Gianfranco Ravasi – La strada della Misericordia

LA STRADA DELLA MISERICORDIA  La via è uno dei grandi simboli universali per rappresentare l’esistenza umana, a partire dalla stessa...

Giovanni Crisostomo – Il seminatore uscì a seminare

Ecco, il seminatore uscì a seminare (Mt 13,3). Per qual motivo uscì? Per distruggere la terra piena di spine? Per...

Vangeli sinottici ed Atti degli Apostoli

Dal Vangelo ai vangeli Il termine ” vangelo ” è oggi subito inteso in senso letterario ossia è sinonimo di...

p. Ermes Ronchi – Vinci il male con il bene

VINCI IL MALE CON IL BENE di p. Ermes Ronchi, servita, convento S. Carlo (Milano) Se il tuo nemico ha...

Comments
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.