5 October 2022 Versione CEI 2008

Il mistero del corpo e del sangue

Concluse le antiche feste della Pasqua che si celebravano per ricordare l’antica liberazione dalla schiavitù d’Egitto del popolo di Dio, Cristo è passato alla nuova Pasqua e ha voluto che la chiesa la celebrasse in memoria della sua redenzione. Al posto della carne e del sangue dell’agnello sostituì il mistero del suo corpo e del suo sangue. […]

Egli stesso spezza il pane che porge ai discepoli per dimostrare che il suo corpo sarà in futuro spezzato non contro la sua volontà, ma, come dice altrove, egli ha il potere di offrire la sua vita da se stesso e di riprenderla di nuovo (cfr. Gv 10,18). E prima di spezzare il pane, lo benedice con la grazia sicura del sacramento perché insieme con il Padre e lo Spirito santo ricolma di grazia divina la natura umana che ha assunto per sottostare alla passione. Benedisse dunque il pane e lo spezzò perché volle sottomettersi alla morte in modo da dimostrare che in lui era veramente la potenza della divina immortalità e insegnare così che il suo corpo ben presto sarebbe risorto dalla morte. «E preso un calice, rese grazie, lo diede loro e tutti ne bevvero» (Mc 14,23).

Nell’imminenza della passione rese grazie dopo aver preso il pane. […] E lui che non meritò affatto di soffrire, umilmente nella sofferenza benedisse per mostrare come deve comportarsi chiunque non soffre per propria colpa. Infatti, nel momento stesso in cui per compiere ogni giustizia si addossa il peso della nostra colpa, rende ugualmente grazie al Padre proprio per mostrare in che modo dobbiamo sottometterci alla correzione. «E disse loro: Questo è il mio sangue della nuova alleanza, versato per molti» (Mc 14,24).

Poiché il pane rinvigorisce il corpo, mentre il vino agisce sul sangue, misticamente il primo si riferisce al corpo di Cristo e il secondo al suo sangue. Ma poiché è necessario che noi restiamo in Cristo e Cristo in noi, il vino del Signore si mischia nei calici con l’acqua, dato che Giovanni testimonia: «Le acque sono i popoli» (Ap 17,15). A nessuno è consentito di fare offerta di sola acqua o solo vino, come neppure di grano che non sia stato impastato con l’acqua per fame pane.

E questo perché non si pensi che il corpo debba essere separato dalle membra, o che Cristo abbia sopportato la passione non per amore della nostra redenzione, o che noi possiamo essere salvati e offerti al Padre senza la passione di Cristo.

BEDA IL VENERABILE, Commento al vangelo di Marco 4, COL 120, pp. 611-612.

Photo by Debby Hudson on Unsplash

Related Posts

La singolarità dell’eucaristia

«Allora Gesù si avvicinò, prese il pane e lo diede a loro» (Gv 21, 18). Questa comunione di mensa tra...

Biografia di Thomas Merton

THOMAS MERTON Thomas Merton nasce il 31 gennaio del 1915 a Prades, sui Pirenei Orientali, in Francia, figlio di Owen,...

Introduzione generale al Vangelo di Luca

Il Vangelo di Luca, “il più bello che ci sia” (così affermava con enfasi E. Renan), è stato sempre circondato...

La lectio divina popolare

Sommario0.1 Descrizione e precisazioni0.1.1 “La lectio divina è l’esercizio ordinato dell’ascolto personale della Parola”.0.2 I quattro momenti0.3 La prima è:...

Letture patristiche della Domenica “del primato di Pietro”

Letture patristiche[1] della Domenica “del primato di Pietro” XXI del Tempo Ordinario A Mt 16,13-20; Is 22,19-23; Sal 137; Rm...

L’offertorio: abbiamo offerto a Dio la vita degli uomini tramite quel pane e quel vino

Il mistero… capire o non capire, andiamo avanti. Se aspettiamo di capire tutto non faremo più nulla: il Signore stesso...

Pregare per i nostri nemici

I cristiani si ricordano a vicenda nelle preghiere (Rm 1,9; 2; Cor 1,11; Ef 6,8; Col 4,3) e così facendo...

L’Apocalisse – Il trionfo dell’amore e della misericordia di Dio – Carlo Miglietta

“Si tratta di uno dei libri più letti e più commentati del N. T., soprattutto nei periodi di crisi, perché...

2 Maccabei 7,1-19

Dopo la grande testimonianza dell’Anziano, ecco ora la vicenda di questa mamma e dei sui figli. L’episodio è una meravigliosa...

La possibilità della fede

“Aumenta la nostra fede!” A questa richiesta degli Apostoli – voce di tutti coloro che sono alla ricerca di Dio...

Preghiera – Vogliamo essere pronti

Vogliamo essere pronti. Non sappiamo quando verrai a cercarci; l’ora della nostra morte può essere una sorpresa, come tu ce...

Il cielo

«Con l’immagine e la parola “cielo”, che si connette al simbolo di quanto significa “in alto”, al simbolo cioè dell’altezza,...

Introduzione al Vangelo di Marco

Marco è oggi tra i testi del NT più studiati. Poiché la critica letteraria lo ha riconosciuto come il testo...

JOHN POWELL – «Signore, abbi pietà di me peccatore»

Un’altra condizione essenziale per la preghiera autentica è l’abbandono. La sola parola in genere ci terrorizza, ma è qualcosa di...

Rinascere dalle ceneri del tuo dolore

Non biasimare altri per la tua sorte, perché tu e soltanto tu hai preso la decisione di vivere la vita...

Comments
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.