7 August 2020 Versione CEI 2008

don Cristiano Mauri – Maria di Màgdala e Gesù – Commento a Gv 20, 1.11-18

Maddalena deve voltarsi per vedere il Risorto.

Gli occhi hanno bisogno di posarsi su altro che non siano i segni della morte.

La morte prepotente, la morte tiranna.
La morte che mangia tutto e tutti, la morte che non restituisce più chi ingoia.
La morte che acceca, la morte che assorda.
La morte che strappa il contatto, la morte che strozza le parole in gola.

Maria deve guardare altrove, deve udire altro, deve toccare altrimenti, deve pur parlare.

Via gli occhi dal vuoto della morte, via le orecchie dal silenzio tombale, via le mani dal freddo della pietra, via le labbra dai singhiozzi sconsolati.

Vedere, ascoltare, toccare, parlare.
Oltre, altro, altrove.

L’incontro con il Risorto avviene così, respingendo il tentativo di sequestro che la morte fa colpendo con la tremenda arma del dolore.

La fede nella vita che non finisce che il Vangelo ci annuncia è forse qui: in una umile e tenace perseveranza nello spingere lo sguardo al di là dell’assenza di chi si è perduto e nel tendere l’orecchio oltre il silenzio della voce di chi non c’è più.

Mentre mi ridico questo Vangelo, penso alla fatica, allo smarrimento, al cuore lacerato di chi deve lasciarsi guidare da questa Parola per provare anche oggi a mettere un passo avanti all’altro, senza più la vicinanza di chi ama.

E vorrei dirlo piano e delicatamente, come mi immagino il Risorto abbia fatto con Maria.

Fonte


Gv 20,1.11-18
Dal Vangelo secondo Giovanni

Il primo giorno della settimana, Maria di Màgdala si recò al sepolcro di mattino, quando era ancora buio, e vide che la pietra era stata tolta dal sepolcro. Corse allora e andò da Simon Pietro e dall’altro discepolo, quello che Gesù amava, e disse loro: «Hanno portato via il Signore dal sepolcro e non sappiamo dove l’hanno posto!».
Maria stava all’esterno, vicino al sepolcro, e piangeva. Mentre piangeva, si chinò verso il sepolcro e vide due angeli in bianche vesti, seduti l’uno dalla parte del capo e l’altro dei piedi, dove era stato posto il corpo di Gesù. Ed essi le dissero: «Donna, perché piangi?». Rispose loro: «Hanno portato via il mio Signore e non so dove l’hanno posto».
Detto questo, si voltò indietro e vide Gesù, in piedi; ma non sapeva che fosse Gesù. Le disse Gesù: «Donna, perché piangi? Chi cerchi?». Ella, pensando che fosse il custode del giardino, gli disse: «Signore, se l’hai portato via tu, dimmi dove l’hai posto e io andrò a prenderlo». Gesù le disse: «Maria!». Ella si voltò e gli disse in ebraico: «Rabbunì!» – che significa: «Maestro!». Gesù le disse: «Non mi trattenere, perché non sono ancora salito al Padre; ma va’ dai miei fratelli e di’ loro: “Salgo al Padre mio e Padre vostro, Dio mio e Dio vostro”».
Maria di Màgdala andò ad annunciare ai discepoli: «Ho visto il Signore!» e ciò che le aveva detto.

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

Related Posts

Letture Patristiche “DI COLUI CHE PUO’ PERDERE NELLA GEHENNA”

Letture patristiche della Domenica “DI COLUI CHE PUO’ PERDERE NELLA GEHENNA” XII del Tempo Ordinario A Mt 10,26-33; Ger 20,10-13;...

Il primato dell’amore verso Dio sulla famiglia

Mt 10,37-42 “[37] Chi ama il padre o la madre più di me non è degno di me; chi ama...

Jean Corbon – Ascensione: aurora che rischiara

Ascensione: aurora che rischiara Come conosciamo il Signore? Chi è veramente per noi Gesù? Egli ci sembra sempre lontano, assente....

Letture Patristiche della Domenica «del Corpo e Sangue di Cristo»

Letture Patristiche Domenica «del Corpo e Sangue di Cristo» Gv 6,51-58; Dt 8,2-3.14b-16a; Sal 147; 1 Cor 10,16-17 DISCORSO 131...

J.H. Nouwen – La logica dell’amore

Nella casa del Padre ci sono molti posti (Gv. 14,2) dice Gesù. In essa ogni figlio di Dio ha il...

Matta El Meskin – Chiudere la porta

Chiudere la porta (tratto da Matta El Meskin ‘Consigli per la preghiera’) Chiudere la porta Quando Dio ti chiede di...

“Io sono la via” (Gv 14, 6)

Dagli appunti di ascetica di Padre Silvestrelli del 2000. «Non sia turbato il vostro cuore. Abbiate fede in Dio e...

L’Apocalisse nella letteratura (Marlowe, Shakespeare, Dostoevskij)

Tempo, intreccio, allegorie Testo a cura di Chiara LOMBARDI – fonte L’Apocalisse è un testo fondamentale nella storia del pensiero...

Il tuo nome è Comando, alleluia! – Commento al Vangelo di Giovanni 15, 12-17

Il Signore Gesù riesce a coniugare sempre dolcezza e fermezza, rigore e apertura, obbligazione e libertà. Le parole con cui...

André Louf – L’esperienza spirituale

André Louf (Lovanio 1929) è entrato a vent’anni nell’abbazia trappista di Mont-des-Cats, nelle Fiandre francesi. Eletto abate durante il concilio...

San Giovanni Paolo II – L’azione dello Spirito Santo

La via della Chiesa passa attraverso il cuore dell’uomo, perché è qui il luogo recondito dell’incontro salvifico con lo Spirito...

Thomas Merton – Diventare se stessi

Per diventare me stesso devo cessare di essere ciò che ho sempre pensato di voler essere, per trovare me stesso...

Introduzione all’Apocalisse (don Claudio Doglio)

L’APOCALISSE DI GIOVANNI Introduzione L’ultimo libro della Bibbia è un’opera veramente originale, che affascina e sconcerta insieme. «Tot habet sacramenta...

Che significa sentirsi a posto con Dio?

«… A posto con Dio» Che significa sentirsi a posto con Dio? O, anche più semplicemente, “sentirsi a posto”? In...

Jean Corbon – Lo sguardo silenzioso e amante dell’adorazione

LO SGUARDO SILENZIOSO E AMANTE DELL’ADORAZIONE Luca 1, 26-38 Visto che celebriamo oggi la festa della radice 1, della terra,...

Comments
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.