25 May 2022 Versione CEI 2008

Biografia di Thomas Merton

THOMAS MERTON

Thomas Merton nasce il 31 gennaio del 1915 a Prades, sui Pirenei Orientali, in Francia, figlio di Owen, un pittore neozelandese attivo in Europa e negli Stati Uniti, e di Ruth, un’artista quacchera americana. Battezzato nella Chiesa anglicana, secondo la volontà di suo padre, in compagnia della famiglia si trasferisce, quando ha solo pochi mesi di vita, negli Stati Uniti, visto il peggiorare della Prima Guerra Mondiale.

E’ ricordato come autore di numerosi saggi, opere in poesia e in prosa, dedicati in modo particolare al tema deH’ecumenismo, del dialogo tra le religioni, della pace e dei diritti civili.

Tornando alla biografia di Thomas, dapprima i Merton si stabiliscono a Long Island, New York, presso i genitori di Ruth, per poi spostarsi a Douglaston e, nel 1917, a Flushing, dove nasce John Paul, fratello di Thomas, nel novembre del 1918. Poco dopo, la famiglia Merton inizia a considerare l’idea di tornare in Francia, quando a Ruth viene diagnosticato un cancro allo stomaco, a causa del quale muore nell’ottobre del 1921.

Un anno più tardi, Thomas Merton e suo padre si spostano a Bermuda, dove Owen si innamora della romanziera Evelyn Scott. Thomas ritorna a Douglaston nel 1923, dove ritrova il fratello John Paul, mentre tre anni più tardi comincia gli studi liceali a Montauban. Nel 1931 suo padre muore a causa di un tumore al cervello; trasferitosi in Inghilterra, nel 1932 Thomas si diploma a Oakham, prima di riuscire a ottenere una borsa di studio che gli permette di iscriversi al Clare College di Cambridge per studiare lingue e letterature straniere.

L’anno successivo, nel corso di un viaggio a Roma, rimane eccezionalmente colpito dalle basiliche paleocristiane, e inizia a pensare alla possibilità di convertirsi al cattolicesimo nel Santuario delle Tre Fontane. Nel 1934 decide di abbandonare Cambridge, anche perché i suoi studi erano stati complicati da comportamenti disordinati e ben poco disciplinati, per fare ritorno a New York, dove prosegue la carriera universitaria e dove, nel 1938, otterrà il Bachelor of Arts.

Nello stesso periodo, Thomas Merton porta a conclusione il proprio percorso di conversione, anche grazie a Dan Walsh, uno dei suoi docenti, che gli offre l’opportunità di capire più a fondo il Vangelo: il 16 novembre di quell’anno, nella parrocchia del Corpus Christi di New York, entra ufficialmente a far parte della Chiesa cattolica.

Al 1939 risale, invece, il Master of Arts, conseguito grazie a una tesi dedicata alla poesia di William Blake. Dopo la laurea, si dedica per qualche anno all’insegnamento, diventando docente di letteratura inglese alla Columbia University; quindi, si sposta ad Allegany, per lavorare alla Saint Bonaventure University, la cui gestione è affidata a frati francescani.

Nello stesso periodo Thomas Merton è protagonista di un ritiro spirituale nel Kentucky, vicino a Bardstown, presso l’Abbazia Trappista di Nostra Signora di Gethsemani: qui rimane estremamente colpito dalla vita dei monaci, fatta di preghiera e solitudine, prendendo la decisione di voler farvi parte. E così, dopo essere stato ammesso come postulante il 10 dicembre del 1941, emette la prima professione religiosa nel marzo del 1944, con il nome di Louis.

Durante la Seconda Guerra Mondiale, Thomas perde il fratello John Paul Merton, disperso nel Mare del Nord: tale circostanza contribuisce a suscitare in lui un sentimento di avversione per tutte le guerre, che si rifletterà nelle sue posizioni pacifiste negli anni Sessanta.

Il 19 marzo del 1947 Thomas Merton diventa monaco, pronunciando i voti solenni, mentre due anni più tardi, dopo essersi dedicato agli studi teologici, viene ordinato sacerdote. Inizia, quindi, una florida attività di scrittore e di saggista: alla seconda metà degli anni Quaranta risalgono, per esempio, “Che sono queste ferite? Vita di una mistica cistercense: Santa Lutgarde di Aywieres” (titolo originale: “What are these wounds? The life of a Cistercian mystic, Saint Lutgarde od Aywieres”), “La montagna delle sette balze” (titolo originale: “The seven storey mountain”), “L’esilio e la gloria. La vita di una trappista: madre Maria Berchmans” (titolo originale: “Exile ends in glory: thè life of a trappistine, Mother M. Berchmans”), “Semi di contemplazione” (titolo originale: “Seeds of contemplation) e “Le acque di Siloe” (titolo originale: ‘The waters of Siloe”).

Thomas Merton col Dalai Lama

Negli anni successivi diventa un punto di riferimento per i movimenti per i diritti civili. Nel corso della guerra in Vietnam, si avvicina con curiosità al monachesimo buddista, e nel 1968 intraprende un viaggio in Oriente, nel corso del quale ha l’opportunità di incontrare e conoscere il XIV Dalai Lama.

Thomas Merton Muore all’età di 53 anni il 10 dicembre del 1968 a Bangkok, in Thailandia, folgorato da un ventilatore non funzionante.

Related Posts

Ogni uomo conosce la Parola di Dio, mangiandola

Ogni uomo conosce la Parola di Dio, mangiandola. La Parola di Dio è Cristo Gesù. Si mangia Cristo, il vero...

Carlo Miglietta – SS. Tinità – Gv 3, 16-18

I DOMENICA DOPO PENTECOSTE SS. TRINITA’ Letture: Es 34,4-6.8-9; 2 Cor 13,11-13; Gv 3,16-18 “[16] Dio infatti ha tanto amato...

2 Maccabei 6,18-31

Quello che della Parola donata oggi dal Signore alla nostra preghiera e per la nostra salvezza mi pare il “cuore”...

Il tuo nome è Comando, alleluia! – Commento al Vangelo di Giovanni 15, 12-17

Il Signore Gesù riesce a coniugare sempre dolcezza e fermezza, rigore e apertura, obbligazione e libertà. Le parole con cui...

Porremo la nostra dimora presso di lui

Io e il Padre, dice il Figlio, verremo a lui, cioè all’uomo santo, e porremo la nostra dimora presso di...

Rispondere all’amore di Dio

Dio dice: «Ti amo di un amore eterno», e Gesù è venuto a insegnarci questo. Quando Gesù fu battezzato, si...

Che significa sentirsi a posto con Dio?

«… A posto con Dio» Che significa sentirsi a posto con Dio? O, anche più semplicemente, “sentirsi a posto”? In...

Gesù è la “buona notizia”

Quello di Marco è il primo Vangelo fissato nello scritto. Gli evangelisti Matteo e Luca ampliano quanto egli narra brevemente...

don Tonino Bello – Quelli che fanno suonare le campane

Qualche mese fa, concludendo la visita pastorale in una parrocchia della mia diocesi, l’ultimo giorno andai in una scuola materna....

La differenza nella Trinità – fr. Christophe Lebreton

La Trinità? Come affrontarla? La fede vacilla, lo spirito deraglia, eppure dobbiamo ammettere che è li che tutto si ritrova,...

Il vino della festa

Sì, il vino: è lui, non l’uva, il vero “frutto” della vigna. E come la vigna è ricco di doni...

L’icona dell’Ascensione del Signore

L’icona rappresenta il momento del distacco di Gesù dai discepoli, ma al tempo stesso traduce in immagine il contenuto del...

Il deserto

Il deserto fu il luogo originario del popolo di Dio, il luogo in cui Gesù fu condotto dallo Spirito quando...

Giovanni Battista

Identificare Giovanni Battista con l’Avvento risulta ovvio, considerato il soprannome di Precursore attribuitogli dalla Scrittura stessa, con il quale siamo...

Don Tonino Bello, Avvento e Natale. Oltre il futuro

Una «pro-vocazione» Oggi l’Avvento c’impegna invece a prendere la storia in mano, a mettere le mani sul timone della storia...

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.